giovedì 18 febbraio 2010

primi lavori

Nel lontano 1996 ho iniziato a prendere l'ago in mano grazie a mia mamma.
Da sempre desiderava insegnarmi, ma io non le ho mai dato soddisfazione. Però un giorno, al mare, l'ho vista ricamare una cosa per una mia cara amica. Presa dalla gelosia ho insistito per mesi perchè ricamasse qualcosa anche per me e mi tramandasse quest'arte così raffinata.
Eh sì, perchè nonostante possa sembrare un semplice trasferimento di schemi colorati o in bianco e nero su un qualsiasi tipo di stoffa (esistono anche quelle già stampate da ricoprire - provata una volta in vita mia e mai più toccata) ha un fascino e una delicatezza che quando ti conquistano non riesci più a farne a meno.

1 commento:

  1. ce l'hai fatta a inserire le foto!

    spesso capita di mostrare i miei ricami a qualcuno e subito viene chiesto "ma il disegno l'hai fatto tu?" e quando rispondo che no, che gli schemi si comprano, quasi ci rimangono male come se il lavoro avesse meno valore! Invece come dici tu, il punto croce ha un fascino tutto suo!

    RispondiElimina