martedì 1 giugno 2010

Il tiramisu, una chicca per chi è giù di morale


Desiderosa di cimentarmi nella preparazione di questo dolce così paradisiaco ho scoperto il sito giallozafferano che adesso si è dotato anche delle spiegazioni video.

Parliamo, però, del tiramisu, che ogni regione vorrebbe aver inventato. Se lo contendono in tre: Toscana, Piemonte e Veneto:
Qualcuno dice che abbia qualità afrodisiache, sarà vero? La cosa certa è che, oltre a essere una bomba calorica, unisce tutti i gusti che una persona possa desiderare.

Il dolce della crema, l'amaro del cacao e il sapore energizzante del caffè.

Ingredienti

Cacao in polvere q.b.
Cioccolato q.b.
Uova 6 medie
Savoiardi 400 g
Caffè q.b.
Mascarpone 500 g
Zucchero 120 g + 2 cucchiai per il caffè

Preparazione
Preparate il caffè, tanto quanto basta per inzuppare i savoiardi, versatelo in una ciotola e, se volete zuccheratelo a piacere.
Lasciatelo intiepidire.
Montate i tuorli delle uova insieme a metà dello zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso.
Lavorate poi il mascarpone con uno sbattitore o un cucchiaio di legno, fino a ottenere una crema senza grumi. Unite, sempre sbattendo, il composto di uova e zucchero preparato in precedenza.
Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale; aggiungete la restante metà dello zucchero e, con un mestolo di legno uniteli poco alla volta al composto di mascarpone e tuorli.
Adagiate in un contenitore i savoiardi e iniziate a bagnarli col caffè; dovranno essere ben imbevuti, ma non zuppi.
Ricoprite i savoiardi con uno strato di crema al mascarpone livellandolo con una spatolina.
Spolverizzate con il cacao amaro in polvere e predisponete un secondo strato di savoiardi in senso opposto rispetto a quelli sotto (es, se il primo strato sono verticali, nel secondo dovranno essere orizzontali).
Ricopriteli con la restante crema.
Terminata questa operazione spolverizzate con abbondante cacao amaro la superficie del dolce e aggiungete una manciata di scaglie di cioccolato. Riponetelo poi in frigo per qualche ora affinchè si compatti.

Prima o poi provo un'altra versione che ho scoperto nell'agriturismo in cui vado di solito. Vi farò sapere...

E voi come lo fate?

0 pensieri:

Posta un commento