venerdì 12 agosto 2011

Frederica, un libro per l'estate

More about Frederica  Pubblicato nel 1965, Frederica è uno dei tanti successi di Georgette Heyer.
Nata nel 1902 a Wimbledon, la Heyer ha cominciato a scrivere a 15 anni per rallegrare il fratello convalescente. Poi non si è più fermata, fino al 1974, anno della morte.
La fervida fantasia e la passione per la ricerca storica, le hanno permesso di scrivere 51 romanzi, senza mai ripetere trame o personaggi. Lo stile è sempre lo stesso, vivace e ricco di descrizioni brillanti, ma cambiano ambientazioni e lo soprattutto slang, adattato all'età e all'estrazione sociale dei suoi personaggi.
Frederica, in particolare, è ambientato nella Londra della rivoluzione industriale, che, grazie alle nuove scoperte, conosce i motori a vapore, le prime mostre scientifiche e perfino i voli in mongolfiera...


Proprio durante uno di questi, Felix, uno dei fratelli minori di Frederica, scapperà alla sorveglianza del tutore Alverstoke e rischierà la vita cadendo dal cesto come un sasso. Per fortuna se la caverà con poco, ma, grazie a questo il marchese, un Corinthian di prim'ordine abituato a pensare solo a se stesso, inzia a prendersi davvero cura degli altri e capisce quanto questo possa dare soddisfazione.

"Then came Frederica, upsetting his cool calculations, thrusting responsibilities upon him, intruding more and more into the ordered pattern of his life, and casting him into a state of unwelcome doubt. And, try as he would, he could discover no reason for this uncomfortable change in himself. She had more countenance than beauty; she employed no arts to attract him; she was heedless of convention; she was matter-of-fact, and managing, and not at all the sort of female whom he had ever wished to encourage. Furthermore, (now he came to think of it), she had foisted two troublesome schoolboys on to him, which was the last thing in the world he wanted! "

La trama è semplice, ma in grado di fare scoppiare dalle risate. In particolare quando il cane di Frederica, Lufra, nel bel mezzo di Green Park attacca una mandria di mucche spaventando a morte le signore della buona società a spasso con i loro cappellini. Un cappannello di persone pretende un risarcimento e la insegue fino a casa di Alverstoke che, con nonchalance, riesce a tirarla per l'ennesima volta fuori dai guai....


Un libro da leggere e da assaporare sotto l'ombrellone o distesi alla fresca ombra di un albero.

"This book, written in Miss Heyer’s lightest vein, is the story of the adventures in Regency London of the Merriville family: Frederica, riding the whirlwind and directing the storm; Harry, rusticated from Oxford, and embarking with enthusiasm on the more perilous amusements pursued by young gentlemen of ton: the divine Charis, too tenderhearted to discourage the advances of her numerous suitors; Jessamy, destined for the Church and wavering, adolescent style, between excessive virtue and a natural exuberance of spirits; and Felix, a schoolboy with a passion for scientific experiment. In Frederica, Miss Heyer has created one of her most engaging heroines, and in the Marquis of Alverstoke, a bored cynic who becomes involved in all the imbroglios of a lively family, a hero whose sense of humour makes him an excellent foil for Frederica." (Jane Aiken Hodge, The Private World of Georgette Heyer)

0 pensieri:

Posta un commento