giovedì 30 agosto 2012

Ritorno a casa


Devo dire la verità, poche cose nella vita mi deludono... E Rimini è stata proprio una di queste... Quattro ore e mezza di viaggio (grazie solo al satellitare) per tornare a casa con la cervicale che mi spaccava in due. Lì la maggiore attrazione era il mercato degli extra comunitari sia sul lungo mare, sia nella passeggiata in riva al mare che era vivibile solo dall'una di notte in poi... Carabinieri, esercito, vigili passavano in continuazione, ma era comunque una tortura...

Uno schifo, i bar sulla spiaggia erano aperti, ma non c'era musica a pagarla oro. Se vuoi devi andare alla Baia imperiale e pagare non poco o nelle altre discoteche. Mio marito si aspettava musica tutte le sere e invece ciccia.

Ma per tornare lì mi devono pagare e profumatamente :)

In compenso, mi sono riposata e divertita, dedicata alle crocette e al maritozzo. Mi mancavano molto le mie bestie, quello sì... A proposito, il maritozzo poco fa mi ha chiamato da lavoro e mi ha detto che il rosso stamattina alle 5 gli leccava il collo, mentre alle 6 giocava con i peli della sua schiena. Evidentemente siamo mancati molto anche a loro...


0 pensieri:

Posta un commento